A Sciacca il Gestore privato dei parcheggi comuali fa quello che vuole

ASSOCIAZIONE POLITICA POPOLARI PER SCIACCA
COMUNICATO STAMPA

Oggetto: contestazione aumento tariffe parcheggi; il Gestore dei Parcheggi fa quello che vuole, ieri con Mario Turturici, oggi con Vito Bono e la sua amministrazione.

Oggi contestiamo l’aumento delle tariffe orarie da parte del Gestore dei parcheggi comunali, che è stato deciso dal Gestore dei parcheggi, e di fatto avallato dall’amministrazione comunale in carica che sta consentendo di fare a tale Gestore quello che vuole.
Per l’aumento di tali tariffe occorre sempre una determinazione sindacale che non ci risulta sia stata adottata.
Ricordiamo che tutti i cittadini da Noi interpellati in sede di assemblea sul bilancio partecipato hanno chiesto all’amministrazione comunale in carica di rinegoziare la convenzione fra il Comune ed il Gestore dei parcheggi, in base alla quale tale Gestore non paga nulla al Comune, e di rivederla, imponendo alla S.G.S. il pagamento di un giusto corrispettivo. Ora non solo tale istanza popolare non è stata accolta e questo perchè, diciamolo chiaramente, manca all’amministrazione in carica il coraggio politico di eliminare privilegi, quale quello della S.G.S., ma addirittura l’amministrazione comunale ha di fatto consentito illegittimamente alla S.G.S. di aumentare le tariffe senza l’adozione di una determinazione sindacale e senza muovere un dito contro.
La verità è che la S.G.S. fa a Sciacca quello che vuole, nell’assenza di una vera classe politica.
Condividiamo la protesta dei consiglieri Cognata ed Emmi contro l’aumento delle tariffe praticate dal Gestore dei parcheggi, ma essi dovrebbero anche criticare la scelta assurda del precedente Sindaco di Sciacca, dott. Mario Turturici, che alla S.G.S. ha regalato una proroga illegittma dal 2015 al 2020, del rapporto di gestione, ancora una volta senza obbligo per il Gestore dei parcheggi di pagare un corrispettivo al Comune. Dov’è la tutela degli interessi finanzairi del Comune di Sciacca? Non c’è stata e continua a non esserci, come pure non vengono tutelati i cittadini da tali nuovi illegittimi aumenti. Cosi come l’amministrazione Turturici ha tutelato la SGS ( ed i consiglieri comunali EMMi e Cognata farebbero bene per onestà intellettuale a riconoscerlo) così anche l’amministrazione comunale di Vito Bono tutela la S.G.S. consentendole di fare quello che vuole.
Sciacca, 15 settembre 2011 Il Presidente
Stefano Antonio Scaduto

Sciacca, 28 maggio 2011 Il Presidente
Stefano Antonio Scaduto