Confermiamo: Sindaco incoerente per l’affidamento di incarichi esterni a pagamento e per l’affidamento di un progetto a pagamento, quello per la scala mobile, che aveva dichiarato di aver presentato a sue spese.

ASSOCIAZIONE POLITICA POPOLARI PER SCIACCA
COMUNICATO STAMPA
Con le sue dichiarazioni di ieri in tema di incarichi esterni e di progetto per la scala mobile, il Sindaco di Sciacca ha dimostrato di avere fatto promesse e dichiarazioni in campagna elettorale al solo fine di prendere voti, di raccogliere facilmente il consenso dei cittadini.
La promessa che, a differenza del suo predecessore, non avrebbe affidato incarichi esterni a pagamento, ma che avrebbe semmai fatto ricorso ad incarichi gratuiti, è stata certamente una promessa che ha fatto guadagnare tanti voti al Sindaco in carica, contribuendo a creare l’immagine di un Sindaco attento al denaro pubblico.
Ora, lo stesso Sindaco ci viene a raccontare che l’Ufficio tecnico comunale non è in grado, per la mole di lavoro, di fare progetti, e che dunque è necessario ricorrere ad incarichi esterni; bene, questa spiegazione può essere vera, ma il Sindaco è un politico navigato, che prima di diventare Sindaco è stato il più attivo fra i consiglieri comunali, sicchè avrebbe dovuto rendersi conto già da consigliere comunale che da Sindaco avrebbe dovuto far ricorso ad incarichi esterni; questo significa che purtroppo il Sindaco di Sciacca ha mentito nei confronti degli elettori, promettendo che avrebbe fatto ricorso ad incarichi solo gratuiti al solo fine di prendere voti, per poi oggi comportarsi in modo opposto con incarichi a pagamento il cui importo supera ad oggi i 150.000,00 euro dall’inizio della sua amministrazione.
Quanto meno chieda scusa ai cittadini, dichiari che da consigliere comunale non aveva capito nulla della situazione dell’UTC e credeva, sbagliandosi, che non ci sarebbe stata necessità di incarichi esterni.
Pe quanto riguarda il progetto della scala mobile di collegamento fra Piazza Stazione e Piazza Scandaliato, il Sindaco, come è noto a tutti, ha sbandierato ai 4 venti che il progetto era stato realizzato a sue esclusive spese e donato al Comune.
Anche tale dichiarazione ha fatto guadagnare voti al Sindaco, perchè molti cittadini hanno ammirato lo spirito nobile e generoso del nostro sindaco in carica, che è poi la chiave di lettura del suo successo elettorale. Egli ha vinto in quanto persona reputata “buona, generosa”.
Ora il Sindaco ci viene a dire che il suo regalo era limitato al progetto preliminare, mentre per il progetto esecutivo a pagare deve essere il Comune e tutto ciò dopo avere lucrato consensi elettorali senza che in campagna elettorale abbia chiarito fino a qual punto arrivava la sua generosità.
Ora Noi chiediamo al Sindaco di essere persona seria, di essere degno di quell’immagine di galantuomo che egli ha saputo abilmente costruirsi quando era consigliere comumale e di completare quell’atto di generosità che egli ha sbandierato in campagna elettorale; paghi personalmente anche il progetto esecutivo per la realizzazione della scala mobile, perchè tutti a Sciacca abbiamo capito che si era fatto carico di tutte le spese, altrimenti Noi, e credo tutti siamo sempre più autorizzati a ritenere che egli ha ingannato gli elettori di Sciacca, con dichiarazioni di generosità e promesse false, al solo fine di prendere voti a buon mercato, per poi fare il contrario.
Sciacca, 24 maggio 2011 Il Presidente
Stefano Antonio Scaduto