INSISTIAMO SULLA PROPOSTA DI RINEGOZIARE IL RAPPORTO DI CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SCIACCA ED IL GESTORE DEI PARCHEGGI COMUNALI, FACENDO PAGARE A QUEST’ULTIMO UN GIUSTO CORRISPETTIVO, VISTO CHE FINORA NON HA MAI PAGATO NULLA AL COMUNE.AGGIUNGIAMO CHE LA GRATUITA DI TALE RAPPORTO POTREBBE AVER GIA’ PROVOCATO UN DANNO ERARIALE.

ASSOCIAZIONE POLITICA POPOLARI PER SCIACCA
COMUNICATO STAMPA

Oggetto: conferma della proposta- richiesta al Sindaco di Sciacca e all’Assessore al Bilancio di rinegoziare i rapporti economici con il Gestore dei parcheggi comunali ed in caso contrario di rendere pubbliche le ragioni tecniche che, secondo quanto riferito dall’assessore Leonte, sarebbero di ostacolo alla rinegoziazione della convenzione fra il Comune di Sciacca ed il Gestore di parcheggi comunali.

Oggi, insistiamo nel chiedere pubblicamente al Sindaco di Sciacca e all’Assessore al Bilancio di dare direttiva agli Uffici competenti nelle forme di legge per rinegoziare la Convenzione fra il Comune di Sciacca ed il privato gestore dei parcheggi comunali, tenuto conto che lo stesso, in base a detta convenzione, non paga alcun corrispettivo.
A tale insistenza ci induce il fatto che i cittadini avendo saputo del fatto che il Gestore privato dei parcheggi comunali non paga alcun corrispettivo al Comune di Sciacca, anche incontrandoci per strada, ci chiedono di insistere sulla nostra proposta di chiedere che con i relativi proventi il Comune di Sciacca possa finanziare, cosi come previsto dalla legge, e precisamente dall’art. 7, comma 7° del d.l.g.s.285/1992 la costruzione di nuovi parcheggi.
Secondo la norma citata: “I proventi dei parcheggi a pagamento, in quanto spettanti agli enti proprietari della strada, sono destinati alla installazione, costruzione e gestione di parcheggi in superficie, sopraelevati o sotterranei, e al loro miglioramento e le somme eventualmente eccedenti ad interventi per migliorare la mobilita’ urbana”..
Al Sindaco ed all’Assessore al Bilancio diciamo con franchezza che, se essi vogliono mantenere almeno un poco la promessa, scritta nel loro programma, di un bilancio partecipato, essi devono prendere atto di questa proposta che, formulata da noi, è condivisa e partecipata da tutta la città, con un coro di consensi.
Alla nostra proposta, sulla quale abbiamo il dovere di insistere, oggi chiediamo non più dichiarazioni in TV, peraltro molto imbarazzate, ma una risposta scritta.
Tenuto conto che alla riunione del 19 marzo 2011, tenutasi al Palazzo di città,l’assessore Leonte ha dichiarato che, secondo quanto riferitogli da Uffici, non ben precisati, la rinegoziazione del rapporto di convenzione con il Gestore dei parcheggi comunali non sarebbe tecnicamente possibile, Noi avendo, invece, avendo in quella riunione ribadito che occorre coraggio politico e che anche tecnicamente il rapporto può essere rinegoziato, chiediamo a questo punto che nella loro risposta scritta il Sindaco e l’assessore al Bilancio vogliano allegare le relazioni scritte dei dirigenti di Uffici in cui siano spiegate le ragioni tecniche che sarebbero di ostacolo alla rinegoziazione del rapporto con il privato Gestore dei parcheggi comunali.
Anche questa risposta è un dovere alla luce del bilancio partecipato promesso.
In conclusione, evidenziamo pubblicamente una circostanza che finora non avevamo evidenziato e che consigliamo al Sindaco e all’Assessore al Bilancio di prendere in seria considerazione nell’interesse della città di Sciacca ed è questa:
Considerato il fatto che il Comune di Sciacca ha già avuto bisogno, ed ancor più ne avrà nel prossimo futuro, di entrate per finanziare la spesa per la costruzione di nuovi parcheggi di cui tanto si sta parlando,
Considerato che per il finanziamento di parcheggi il Comune di Sciacca ha già fatto ricorso a mutui (esempio per il Parcheggio di Via Catusi) con obbligo di restituire capitale ed interessi passivi a carico delle casse comunali,
Considerato quanto sopra, a nostro avviso, il permanere della condizione di gratuità della convenzione per la gestione dei parcheggi comunali a totale beneficio del privato Gestore, è fonte di un danno erariale derivante dal fatto che l’assenza di tale utile entrata ha già costretto e costringe il Comune di Sciacca ad aumentare l’indebitamento da mutui con obbligo di restituire capitali ed aggravio di interessi passivi, mentre il ricorso all’indebitamento potrebbe quanto meno essere ridotto, se non addirittura eliminato, se ci fosse, come è giusto, un’entrata comunale dalla gestione dei parcheggi comunali a pagamento.
Qundi chiediamo al Sindaco, all’assessore al bilancio, di rispondere non solo tramite la stampa, ma anche per iscritto a tali nostre osservazioni entro e non oltre 30 giorni, allegando alla risposta relazioni scritte dei Dirigenti degli Uffici competenti ed il parere sulla questione del Collegio dei Revisori dei conti del Comune di Sciacca.
Sciacca, 14 aprile 2011 Il Presidente
Stefano Antonio Scaduto