Il Sindaco di Sciacca dott. Vito Bono debole con Girgenti acque

ASSOCIAZIONE POLITICA POPOLARI PER SCIACCA
COMUNICATO STAMPA
Oggetto: inadeguatezza dell’atteggiamento del Sindaco nei confronti di Girgenti acque.

In merito alle dichiarazioni del Sindaco rese ieri relativamente alle sue proposte all’Assemblea dei Sindaci dell’ATO idrico di Agrigento nei confronti della Girgenti acque, evidenziamo l’inadeguatezza della condotta del Sindaco nei confronti di Girgenti acque; egli, a fronte dei numerosi inadempimenti di Girgenti acque, ha dichiarato ieri di aver proposto all’ATO idrico, una delibera per ottenere dalla Girgenti acque la sospensione delle cosiddette bollette pazze in attesa che la stessa Girgenti acque dia risposta ai reclami presentati, mentre a nostro avviso avrebbe dovuto chiedere l’immediato annullamento di tali bollette, palesemente errate.
A nostro avviso il Sindaco di Sciacca ha dimenticato o vuol fare dimenticare ai cittadini di Sciacca quanto lo stesso prometteva in campagna elettorale, e chiedeva come consigliere comunale di opposizione, cioè lo scoglimento del rapporto contrattuale con Girgenti acque a causa di tutti gli inadempimenti della stessa.
Chiediamo al Sindaco di ricordarsi delle sue promesse e di essere coerente.
Chiediamo alla neonata Commissione consiliare di indagine sul tema della gestione del servizio idrico di acquisire tutti gli atti deliberativi dell’ATO idrico di Agrigento anche per verificare in che modo il nostro Sindaco rappresenta i problemi dei cittadini di Sciacca con la Girgenti acque.
Noi abbiamo l’impressione di un Sindaco inginocchiato nei confronti di Gigenti acque, completamente diverso dal Vito Bono battagliero che abbiamo conosciuto come consigliere comunale.
In ogni caso chiediamo direttamente al Sindaco di dare a tutti i cittadini la possibilità di far conoscere le sue dichiarazioni e proposte all’ATO idrico di Agrigento, mediante la pubblicazione dei verbali dell’ATO idrico di Agrigento sul sito internet del Comune di Sciacca.
Sciacca, 22/09/2010 Il Presidente
Stefano Antonio Scaduto