PDL: MARTEDI’ BERLUSCONI TRATTERA’ LA "QUESTIONE SICILIA", SPERO CHE NON DIMENTICHI LA "QUESTIONE SCIACCA" IMMORTALATA IN QUESTO VIDEO SU YOU TUBE !

Dopo la celebrazione della direzione nazionale del partito, martedì prossimo il presidente Silvio Berlusconi affronterà il ” Caso Sicilia”.

Con la speranza che al tavolo della “riflessione politica” qualcuno ricordi quanto è avvenuto a Sciacca in occasione delle elezioni amministrative dello scorso anno, i cui esiti sono stati fortemente determinati proprio dalla spaccatura in senso al PDL Siciliano, reputo opportuno (per l’attualità delle questioni sollevate) rispolverare quel folle periodo pre-elettorale, riproponendovi un post riferito ad un video giornalistico del tempo, che è ancora immortalato su You Tube e di fronte al quale ogni commento appare superfluo!

**

Post di qualche mese fa

“Navigando via internet mi sono imbattuto in questo video immortalato su youtube. Si tratta delle immagini del Patto di San Michele, ovvero del maxi accordo siglato tra la Sinistra di Sciacca, PD in testa, l’MPA, pezzi dell’UDC corrente Mannino e pezzi del Pdl corrente Cimino. Tutti contro uno….contro Mario Turturici, colpevole di avere governato con stabilità per 5 anni la Città, colpevole di avere realizzato opere pubbliche attese da oltre 40 anni, colpevole infine di essere il candidato ufficiale del PDL ( e quindi del Presidente Berlsconi) nonché sincero e leale amico dell’On.le Angelino Alfano, Ministro della Giustizia!
Conosciamo tutti l’esito delle elezioni del 6/7 giugno 2009: nonostante fossimo soli contro tutti, otteniamo al primo turno il 33% dei voti ( 4 punti percentuali in più rispetto alle vittoriose elezioni del 2004), ma per appena 300 voti non raggiungiamo il ballottaggio. Al ballottaggio, senza l’effetto trascinamento delle liste dei candidati al consiglio, sono convinto che avremmo ripetuto il successo del 2004. Di ciò credo ne fossero convinti soprattutto i miei avversari, tant’é che il Patto di San Michele nasceva proprio con l’obiettivo di farmi fuori al primo turno, giocando sul maggior numero di liste a loro disposizione. Ad onore del vero, quel Patto di San Michele non ebbe poi a concretizzarsi nella sua originaria configurazione (quella immortalata nelle immagini), infatti l’UDC sarebbe da lì a poco uscita dal Patto per correre da sola con un proprio candidato a sindaco, altri sarebbero tornati alla casa madre, altri avrebbero tentato la candidatura autonoma.
Nei fatti, tuttavia quel Patto non è mai venuto meno! erano tutti uniti ( sia pure apparentemente separati) con lo stesso ed unico obiettivo: quello di impedire al sottoscritto di continuare a fare il Sindaco di Sciacca per altri 5 anni.

Come ebbe a dire l’amico Angelino Alfano nel suo comizio a Sciacca: “…. per loro l’importante non è eleggere un sindaco che sappia governare, l’importante è che Mario Turturici non faccia più il sindaco…..evidentemente caro Mario avrai detto qualche no di troppo ! ”

Mario Turturici