Sputiamo su Hegel


maninretepost 199

Avete letto solo il titolo? solo visto il post nella pagina? solo cliccato sul video? anche letto qualcosa? tutto? visti i link? navigato? nel testo? o tra i testi? tra i video? avete notato quanti quelli collegati? visti? (ri)visti non a caso? in cosa convieni? cosa conviene? a te? ehi tu (!) che ore sono? quanto tempo è passato? cosa fai adesso?


Da Google: Il corpo delle donne. Non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele (Anna Magnani)

Abbiamo guardato per 4.000 anni: adesso abbiamo visto!

*
Alle nostre spalle sta l’apoteosi della millenaria supremazia maschile. Le religioni istituzionalizzate ne sono state il piu’ fermo piedistallo. E il concetto di “genio” ne ha costituito l’irraggiungibile gradino.
*
La donna ha avuto l’esperienza di vedere ogni giorno distrutto quello che faceva.
*
Consideriamo incompleta una storia che si e’ costituita sulle tracce non deperibili.
*
Nulla o male e’ stato tramandato dalla presenza della donna: sta a noi riscoprirla per sapere la verita’.
*
La civilta’ ci ha definite inferiori, la chiesa ci ha chiamate sesso, la psicanalisi ci ha tradite, il marxismo ci ha vendute alla rivoluzione ipotetica.
*
Chiediamo referenze di millenni di pensiero filosofico che ha teorizzato l’inferiorita’ della donna.
*
Della grande umiliazione che il mondo patriarcale ci ha imposto noi consideriamo responsabili i sistematici del pensiero: essi hanno mantenuto il principio della donna come essere aggiuntivo per la riproduzione dell’umanita’, legame con la divinita’ o soglia del mondo animale; sfera privata e “pietas”. Hanno giustificato nella metafisica cio’ che era ingiusto e atroce nella vita della donna.
*
Sputiamo su Hegel.
*
La dialettica servo-padrone e’ una regolazione di conti tra collettivi di uomini: essa non prevede la liberazione della donna, il grande oppresso della civilta’ patriarcale.
*
La lotta di classe, come teoria di classe sviluppata dalla dialettica servo-padrone, ugualmente esclude la donna. Noi rimettiamo in discussione il socialismo e la dittatura del proletariato.
*
Non riconoscendosi nella cultura maschile, la donna le toglie l’illusione dell’universalita’.
*
L’uomo ha sempre parlato a nome del genere umano, ma meta’ della popolazione terrestre lo accusa ora di aver sublimato una mutilazione.
*
La forza dell’uomo e’ nel suo identificarsi con la cultura, la nostra nel rifiutarla.
*
Dopo questo atto di coscienza l’uomo sara’ distinto dalla donna e dovra’ ascoltare da lei tutto quello che la concerne.
*
Non saltera’ il mondo se l’uomo non avra’ piu’ l’equilibrio psicologico basato sulla nostra sottomissione.
*
Nella cocente realta’ di un universo che non ha mai svelato i suoi segreti, noi togliamo molto del credito dato agli accanimenti della cultura. Vogliamo essere all’altezza di un universo senza risposte.
*
Noi cerchiamo l’autenticita’ del gesto di rivolta e non la sacrificheremo ne’ all’organizzazione ne’ al proselitismo.
*
Comunichiamo solo con donne.